fbpx
Jocelyne Milochau - Meeting della danza Campania
241
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-241,bridge-core-1.0.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-theme-ver-18.2.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

La danza è arte, passione, emozione.

Il Meeting della Danza Campania è l’evento dedicato alla danza moderna e contemporanea. Una giornata di incontri, audizioni e lezioni.

Dove

Country Sport
Avellino

Quando

Domenica
15 Dicembre 2019

Gli Ospiti ed i Docenti del Meeting della Danza

Jocelyne Milochau

Inizia lo studio della danza a Parigi, sua città natale, sotto la guida di Lycette Darsonval.

 

Nel 1962 entra all’Ecole de danse de L’Opèra de Paris.

Come allieva partecipa a numerose rappresentazioni fra cui: la creazione di Mouvements et variations di Francis Poulenc, coreografia di Roland Petit, come balletto d’apertura alla prima di Notre Dame de Paris; la registrazione televisiva Jeux d’enfants di G.Bizet, coreografia di G. Guillot.

 

Nello stesso periodo ottiene il primo premio al conservatorio della Mairie du Xème arr. di Parigi, diretto da L.Legrand, dell’Opèra.

 

Nel 1968 entra nella compagnia del B.O.P. (Ballet de l’Ouest Parisien). Nel 1969 entra al Theatre du Chatelet partecipando alla produzione de La Caravelle d’Or con L. Mariano e M. Baquet.

 

Nel 1970, segnalata da Zizi Jeammaire, entra come elemento stabile nella compagnia di Felix Blaska. Viene scritturata dal Teatro Comunale di Bologna e dal Teatro La Fenice di Venezia.

 

Nel 1973 lavora con la compagnia di Rafael Y Manolita Aguilar in diverse tournèes Europee; in seguito viene scritturata dall’ Opèra di Tour (Francia) come Maitre de Ballet A. Davesne.

 

Nel 1974 entra al Teatro Massimo di Palermo come prima ballerina nel balletto Pulcinella. Nel 1976 viene scritturata dal Ballet Royal de Wallonie (Belgio).

 

Nel corso della sua attività di ballerina, Jocelyne Milochau ha danzato in più di mille rappresentazioni e ha studiato con i più grandi maestri della danza.

 

Dal 1980 si dedica all’insegnamento della tecnica accademica.Le sue lezioni hanno, naturalmente come tratto peculiare una forte impronta dello stile francese, arricchito tuttavia da particolari riferimenti alla precisione della tecnica russa e alla velocità di quella italiana.

Domenica 15 Dicembre 2019

Una giornata aperta a tutti dove, a partire dagli allievi di 6 anni fino ai danzatori più adulti.